Lega Nord, l’estrema destra ora parla «padano»

Pubblicato Giovedì, 11 Settembre 2014 06:21
L'estrema destra in Ita­lia si sta ridi­se­gnando. Un pro­cesso in realtà in 
atto da tempo. L’esito delle ultime euro­pee ha però impresso un’accelerazione 
decisa e cam­biato il corso delle cose. L’elemento di forte novità con­si­ste 
nell’ultima muta­zione della Lega Nord che nei fatti sta sosti­tuendo le altre 
destre (da Forza Ita­lia a Fra­telli d’Italia) nello sto­rico ruolo di garanti 
per la galas­sia neo­fa­sci­sta nei ter­mini di coper­ture isti­tu­zio­nali, 
sdo­ga­na­menti e alleanze elet­to­rali.
Sotto la guida di Mat­teo Sal­vini la Lega ha ripreso vigore inver­tendo un 
trend pesan­te­mente negativo.
Cen­trale da que­sto punto di vista è stata la decisa virata a destra, una 
sorta di tor­sione radi­cale che ha oscu­rato tutti gli altri pro­getti col­
ti­vati nella pre­ce­dente gestione maro­niana, dall’idea di una macro­re­
gione del Nord all’ipotesi dell’attuale sin­daco di Verona, Fla­vio Tosi, 
incen­trata su un nuovo par­tito tipo Csu bava­rese, regio­na­li­sta e con­
ser­va­tore, da col­lo­care nell’ambito del centro-destra, supe­rando in pro­
spet­tiva la stessa Lega.
La svolta è con­si­stita, in primo luogo, nel recu­pero pieno di tutti i temi 
di impianto raz­zi­sta che ave­vano carat­te­riz­zato il par­tito al tempo del 
con­gresso di Assago. In quell’occasione, era il 2002, si assun­sero uffi­cial­
mente da parte di Umberto Bossi tutti i tratti tipici di una for­ma­zione di 
estrema destra, dal rifiuto della «società mul­ti­raz­ziale» alla «difesa della 
cri­stia­nità minac­ciata dall’invasione extra­co­mu­ni­ta­ria». La «Pada­
nia», in quel con­te­sto, quasi dive­niva “una cit­ta­della asse­diata” entro 
cui arroc­carsi. In com­penso ai migranti si adde­bi­tava la respon­sa­bi­lità 
di ogni male, dalla cre­scita della cri­mi­na­lità al dila­gare delle dro­ghe 
e della pro­sti­tu­zione, fino al dif­fon­dersi di malat­tie vec­chie e nuove.
La let­tura di tipo apo­ca­lit­tico, si vedano le con­clu­sioni di quel con­
gresso, si sostan­ziava in un atto di accusa finale nei con­fronti dei «poteri 
forti» e delle lobby finan­zia­rie intente a mano­vrare, secondo una visione 
com­plot­ti­sta, i flussi migra­tori per sra­di­care le tra­di­zioni cul­tu­
rali e reli­giose di interi ter­ri­tori, in pri­mis delle regioni nor­di­che. 
Nel ride­cli­nare da parte di Sal­vini que­ste osses­sioni raz­zi­ste si è 
però prov­ve­duto a cam­biare i desti­na­tari del mes­sag­gio, non più cir­co­
scritti ai «padani» ma com­pren­denti l’insieme degli italiani.
Una svolta di tipo “nazio­na­li­sta” con la quale la Lega si è pre­sen­tata 
alle euro­pea, riba­dita, pur con qual­che arti­co­la­zione, al recen­tis­simo 
con­gresso straor­di­na­rio di luglio a Padova. In ciò un ele­mento di indub­
bia novità. Per la prima volta nella sua sto­ria la Lega ha tenuto e orga­niz­
zato in una cam­pa­gna elet­to­rale ini­zia­tive nelle regioni del centro-sud. 
In prima fila lo stesso segre­ta­rio. Anche il taglio degli slo­gan è mutato 
per indi­care il nuovo corso: «Basta tasse, basta immi­grati, no Euro, prima 
gli ita­liani!». La tra­du­zione in pra­tica delle posi­zioni del Front natio­
nal fran­cese con il quale il par­tito di Sal­vini ha stretto un’alleanza in 
occa­sione del voto. Da qui il supe­ra­mento del seces­sio­ni­smo (vedremo fino 
a che punto) che ha for­te­mente impat­tato nel mondo dell’estrema destra, che 
inca­pace di pre­sen­tare pro­prie liste è rifluito in larga parte in quelle 
della Lega. È stato il caso di Casa Pound, che ha soste­nuto aper­ta­mente nel 
cen­tro Ita­lia la can­di­da­tura di Mario Bor­ghe­zio, poi eletto con poco 
più di 5mila preferenze.
L’azione della Lega nei pros­simi mesi si incen­trerà sul rilan­cio dei “for­
coni” da porre, que­sta volta, sotto le sue ali. Diversi sono stati gli 
annunci in que­sta dire­zione. L’idea è quella di una rivolta fiscale, da Nord 
a Sud, anche come leva per la costi­tu­zione di nuovi sog­getti asso­cia­tivi 
e poli­tici locali da fede­rare alla Lega stessa, magari, come pre­an­nun­
ciato, con nel sim­bolo l’Alberto da Gius­sano. Già si parla di “leghi­sti” 
sici­liani, cala­bresi o della Tuscia. In que­sto qua­dro il depo­sito in Cas­
sa­zione a fine giu­gno di 3 milioni di firme in calce alla richie­sta di 5 
refe­ren­dum accom­pa­gne­rebbe su scala nazio­nale que­sta cam­pa­gna. A far 
da traino nella rac­colta delle sot­to­scri­zioni è stata indub­bia­mente la 
can­cel­la­zione della “legge For­nero”, anche per richie­dere lo stop ai con­
corsi aperti agli immi­grati e la sop­pres­sione di due leggi invise ai fasci­
sti, la legge Mer­lin e soprat­tutto la legge Man­cino con il reato di isti­
ga­zione all’odio raz­ziale, etnico e religioso.
A finire nell’orbita della Lega è anche Forza nuova, attra­verso un per­corso 
diverso. Il par­tito di Roberto Fiore è in forte dif­fi­coltà. Tutti gli obiet­
tivi pre­fis­sati sono stati man­cati, anche in modo cla­mo­roso, dalle poli­
ti­che del feb­braio 2013 (0,26%) alla non pre­sen­ta­zione alle euro­pee di 
mag­gio data l’incapacità di rac­co­gliere le firme. L’idea di con­ten­dere da 
destra, in par­ti­co­lare sui temi dell’immigrazione e dell’uscita dall’euro, 
con­sensi alla Lega, si è risolta in una déba­cle. Da qui un’emorragia, ancora 
in corso, spe­cie al nord, di qua­dri e mili­tanti pro­prio verso Sal­vini, 
con la chiu­sura spesso di sezioni sto­ri­che. Non indif­fe­renti, in que­sto 
sce­na­rio, anche l’accumularsi di debiti e le accuse a Fiore di gestione ver­
ti­ci­stica. Per tutti l’approdo si sta sostan­ziando nell’adesione 
all’associazione Patriae, costi­tuita da un ex espo­nente de La Destra, 
Alberto Arri­ghi, finan­ziata dalla stessa Lega, la cui fun­zione, al momento, 
sem­bre­rebbe pro­prio quella di ospi­tare sin­goli mili­tanti e realtà col­
let­tive pro­ve­nienti dal neo­fa­sci­smo in crisi.
Il sostan­ziale fal­li­mento di chi pen­sava di poter tra­pian­tare in Ita­lia 
espe­rienze come Alba dorata o Job­bik si sta nei fatti risol­vendo guar­dando 
alla “nuova” Lega. Anche alcuni vec­chi “arnesi” sem­bre­reb­bero inte­res­
sati. Non a caso due tra i prin­ci­pali pro­ta­go­ni­sti della stra­te­gia 
della ten­sione, Ste­fano Delle Chiaie, l’ex capo di Avan­guar­dia nazio­nale, 
e Mario Mer­lino, noto pro­vo­ca­tore, non­ché esperto in infil­tra­zioni, nel 
ten­tare di rie­di­tare, pur solo in forma asso­cia­tiva, la vec­chia sigla di 
An, hanno prov­ve­duto a omag­giare osten­ta­ta­mente il “vec­chio came­rata” 
Borghezio.
Un pano­rama nuovo, quello che si sta deli­neando, desti­nato a inci­dere in 
pro­fon­dità nell’estrema destra. La prima veri­fica sarà il 18 otto­bre quando 
a Milano sfi­le­ranno in un cor­teo nazio­nale, pro­mosso dalla Lega «Con­tro 
gli immi­grati», tanto i leghi­sti quanto tutte le prin­ci­pali sigle del 
neofascismo.

Fonte: Il Manifesto, Saverio Ferrari, 4.9.2014

Questo sito web utilizza cookies, anche di terze parti, continuando la navigazione accetti il loro utilizzo. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information