Contenuto principale

SE DELINQUENTI E' LOTTARE CONTRO IL POTERE... ALLORA SIAM DELINQUENTI !

Durante quello che ormai da molto tempo viene chiamato un ''normale controllo'', in un parco a Faenza un compagno alquanto irrequieto decide consapevolmente di non abbassare la testa davanti agli infami umanoidi traditori della Libertà (in questo caso, i maledetti vestivano i panni dei carabinieri). L'intenzione iniziale era di resistere passivamente, ma come ogni indomabile ribelle al  contatto fisico con i distruttori delle diversità nonché difensori della legge, delle istituzioni e dello stato (perciò comprende anche quegli sporchi infami del Resto del Carlino e compagnia bella), la reazione è stata irrimediabilmente attiva. Una magica scarpa seguita da una magica gamba sono miracolosamente saettate nel fanale di quella che viene chiamata "gazzella'' ovvero la macchina da ronda degli sbirri. Subito dopo il Selvaggio è stato arrestato e portato ai domiciliari fino al mattino seguente dove a Ravenna si è tenuto poi, nel pomeriggio di lunedì 23 aprile, il processo per direttissima con l'accusa di oltraggio, resistenza all'arresto e danneggiamento aggravato. Si è tutto concluso con l'obbligo di firma 2 volte alla settimana fino al 6 giugno, quando ci sarà la prossima udienza. Successivamente, in Caserma è stato prelevato al compagno il DNA con la forza. 

 

Nel mondo che siamo ''costrettx'' a vivere, le diversità e l'originalità di ogni singolx individux sono sempre più minacciate da questo esistente che di respirabile ha solo del gran veleno soporifero.

L'unico suo fine è proprio quello di tenerci come cani a cuccia. Perciò è ora di ringhiare, di mordere, di non permettere ai guardiani del potere di sopprimere le nostre decisioni e i nostri desideri.

In ogni quartiere, in ogni panchina, in ogni strada chi cerca di rivivere quella socialità che è ormai stata dimenticata viene perseguitato a suon di controlli, caserme, questure, intimidazioni... 

Nessuna sorpresa, niente di nuovo, lo stato e i suoi difensori, da sempre, per preservarsi reprimono qualsiasi tipo di aggregazione e autorganizzazione iniettando paura verso il prossimo, e costruendo muri e galere tra ognunx di noi. Telecamere, lampioni a led, vigilanza, polizia, galera, psichiatria, ma anche "bravi cittadini", non sono la nostra sicurezza, sono invece la nostra rovina. Il perbenismo e il moralismo borghese hanno permesso che anche solo una pisciata all'aperto possa essere punibile, come se la nostra nudità e i nostri bisogni fisiologici fossero alieni alla vita...

NO, alieno all'esistenza sono invece la tecnologia il controllo e la decisione su altrx.

Non siamo vittime di questa società, se mai siam nemici e nemiche, e come tali non abbasseremo il cranio davanti ai suoi rappresentanti e i suoi difensori. È sempre Possibile l'impossibile, ma non speriamo in una sollevazione popolare, la Rivolta è qui, adesso, mentre leggi questo comunicato.

L'incubo meccanico non ha fine, allora nemmeno la nostra Rabbia!!

 

SOLIDARIETÀ AI COMPAGNI E LE COMPAGNE ARRESTATX A FORLI 

PER LO SGOMBERO DELLA CREPA SQUAT! 

SOLIDARIETÀ ALLA NOSTRA AMICA E COMPAGNA IN LATITANZA CAMILLE!

FUOCO ALLE PRIGIONI! TUTTX LIBERX

VIVA L'ANARCHIA!

 

-Bestie Selvagge-