Contenuto principale

CESENA - Febbraio al "Sole e Baleno"

FEBBRAIO_web-2

CESENA - SOLIDALI CON CHI LOTTA

I FOGLI DI VIA SOLO A CHI SFRUTTA!

SABATO 6 FEBBRAIO ORE 17:00

INCONTRO PUBBLICO

CON LA PRESENZA DI UN AVVOCATO SULLA

QUESTIONE "FOGLI DI VIA". A SEGUIRE SERATA

CONVIVIALE CON APERITIVO SOLIDALE, SPETTACOLO

DI ROBERTO MERCADINI E CONCERTO [CON MATARCO]

A CESENA PRESSO CIRCOLO "MAGAZZINO

PARALLELO", VIA GENOVA 70 (ACCANTO V. CAVALCAVIA)

_____________________________________________________________________________

DA MESI un gruppo di lavoratori di Stemi Logistica occupati presso il cantiere

Artoni di Pievesestina (Cesena) sta lottando per ottenere il reintegro dopo il

licenziamento in agosto di 28 di loro, per aver avanzato diritti. Con scioperi,

presidi e picchetti all'esterno delle aziende clienti di Stemi, questi lavoratori

stanno portando avanti una dura vertenza che li vede mettersi in gioco

direttamente.

 

Leggi tutto: CESENA - SOLIDALI CON CHI LOTTA

RAVENNA - GIU' MURA GIU' BOX

LUNEDÌ 7 DICEMBRE

alle 14:30 sotto il carcere di Ravenna

via circonvalazine al molino angolo via mura di p.ta aura.

Porta la presa bene e una chiavetta con bella musica !!!!

Per creare un'occasione di 'evasione' ai rinchiusi, anche solo per qualche ora, cercando di rompere l'isolamento che li opprime, portando la nostra voce e un pò di musica.

 

-------------------

Ecco il volantino che si distribuito:

Il carcere è un pilastro della società capitalista, non è un' emanazione o una conseguenza di questo sistema.

Negli ultimi anni si è trasformato, così come è cambiato il capitalismo: si vanno delineando luoghi di detenzione differenziati, a seconda del reato compiuto; gli O.P.G.( ora R.E.M.S. ) servono la psichiatra, i centri di trattamento dovrebbero recuperare i tossicomani, i C.I.E. segregano esseri umani colpevoli di non possedere documenti e le galere isolano gli unici che hanno la forza e il coraggio di ribellarsi ad una società opprimente, sfruttatrice e repressiva.

Gran parte dei\ lle galeotti\e è dentro per reati contro la proprietà, in quanto hanno deciso di riprendere ciò di cui son stati\e privati\e ed è questo voler pareggiare i conti che non può essere tollerato in quanto è la scintilla in grado di accendere il fuoco della libertà.

La strategia che spinge le classi a farsi guerra è antica ma non per questo inarrestabile, condividere conoscenza ed esperienza non è integrarsi con culture sconosciute bensì accettare le diversità che sono la vera ricchezza a disposizione di chiunque voglia mettersi in gioco.

Le gabbie costruite non servono unicamente ad isolare chi vi è detenuto ma a distruggere quella rete di relazioni che tanto infastidisce chi vuol rendere gli esseri viventi solo numeri, massa si carne sacrificabile all' altare del potere.

Siamo qui oggi per aprire un varco e sostenere chi e' dentro ed e' invisibile, con musica e parole ma non solo.

Vogliamo la distruzione di tutti i centri di detenzione e questo si ottiene opponendosi alla violenza quotidiana espressa dai governi, dobbiamo sottrarre a questa costruzione un elemento necessario al suo mantenimento, occorre quindi considerare chi ha scelto di avere le chiavi che chiudono le celle come carnefici consapevoli quindi obiettivi di questa distruzione, così come lo sono tutte le persone che attraverso il lavoro in aziende consenzienti nè favoriscono l' esistenza.

 

CESENA - ANARCHISMO E DEMOCRAZIA

CESENA - SAMSARA