Contenuto principale

Ha vinto il NO al referendum. E chissenefrega!

Un cimitero di 32 milioni di croci.
Domandina domandona. Il referendum è un'indispensabile strumento di democrazia diretta? O è piuttosto un'infallibile arma di distrazione di massa?
Questa domanda nasce spontanea il giorno dopo il referendum costituzionale del 4 dicembre. Scopriamo, infatti, che moltissime persone di questo paese hanno subito il perverso fascino della chiamata alle armi della politica politicante. L'affluenza alle urne è stata superiore alle stesse attese dei comitati per il NO e per il SI. Circa 32 milioni di persone hanno apposto una crocetta sulla scheda referendaria. Una temporanea inversione di tendenza rispetto agli ultimi anni.
Nel vuoto dell'opposizione sociale reale, l'esaltata e magnificata partecipazione illusoria tramite il voto è stata una consolatoria bugia che ci si è raccontata: anche io conto! Anche io esisto! Ma un cimitero sociale resta pur sempre un cimitero e i morti viventi, anche se camminano e si recano alle urne per testimoniare la propria esistenza, restano sempre degli zombie.
Ha vinto il NO e poteva vincere il SI. Cosa sarebbe cambiato per i rivoluzionari? Niente! Come niente cambia per chi continua ad essere sfruttato, precario, escluso.

Tutti contro gli "irresponsabili".
Ma facciamo un passo indietro. Per questo referendum le più disparate forze politiche hanno speso le più grandi energie per dare indicazioni di voto, chi appunto per il NO e chi per il SI. Spesso pretenziosamente, argomentando su cose che con il referendum proprio non c'entravano nulla, tanto per fuorviare che si sa, meno la gente capisce meglio è. E spesso con esiti farseschi e ridicoli. Pensiamo, per esempio, ai fascisti di Casapound, di Forza Nuova e della stessa Lega Nord salviniana che sono corsi a difendere la Costituzione "antifascista" e a fare fronte per il NO con ANPI, ARCI e sinistra cosiddetta radicale.
Tutte daccordo, invece, le forze per il SI e per il NO si sono ritrovate nel biasimo della scelta astensionista. Perchè, vien detto, gli individui votino pure come vogliono purché votino! Non votare, è stato detto, significa perdere la propria capacità di incidere su aspetti che riguarderebbero tutte e tutti (ammesso e non concesso che gli assetti istituzionali che riguardano la sacra italica repubblica, in questa fattispecie, ci debbano riguardare davvero come individui rivoluzionari e come individui sfruttati). Ne andava, ci è stato detto, del nostro futuro e, quindi, il sottinteso è che chi non vota è un cretino, una demente, un irresponsabile, una sprovveduta, addirittura un criminale - da perseguire per vie legali all'occorrenza - perché, non si sa come, la sua scelta di non partecipare al giochino inciderebbe negativamente sulla scelta degli altri giocatori. Ovviamente, che siano altri che hanno fatto le regole o le hanno approvate/assecondate, senza che noi astensionisti consapevoli le si abbia seppur minimamente sottoscritte, non sembra interessare gli apologeti del referendum e della "partecipazione democratica". Per questi ultimi il voto è un dovero civico e, quindi, bisognava fare comunque giocare a forza anche chi non voleva. Un po' come quando da piccoli, a scuola, il maestro o la maestra di ginnastica ti inserivano controvoglia nella scrausa squadra di compagni-schiappe per giocare a palla. Che il gioco non ti divertisse, fatti tuoi!
Ma come sempre sono esistiti coloro che rifiutano di giocare in una squadra le cui regole non condividono, esistono ed esisteranno sempre gli irresponsabili incalliti che disertano gli schieramenti predefiniti.
Alcune e alcuni di queste/i irresponsabili impenitenti non sono poi nemmeno così sprovveduti come vengono dipinti, ed hanno pure un difetto non da poco: pensano! E pensando disturbano, certo. Perchè il pensare troppo rumorosamente offende coloro che, al contrario, non sembrano pensare molto. Li distrae dal loro non-pensare, che occupa tutto il loro tempo. A noi piace annoverarci tra questi rumorosi pensatori.

Fatte le squadre, l'arbitro è sempre lo Stato.
Care e cari apologeti del referendum, ci avete detto che il responso referendario avrebbe addirittura cambiato le sorti della storia d'Italia. Lo avete asserito, terrorizzandoci, in un senso o nell'altro, sporgendovi dai televisori o mandando le vostre insopportabili lettere casa per casa, in cui sostenevate le vostre ragioni spesso a dispetto della logica. Vi diciamo: onestamente, ma credete davvero a ciò che dite? Forse che da una crocetta su un foglio la volontà dell'individuo in quanto tale e in quanto portatore d'interesse ne ha mai ricavato maggiore potenza? Per rispondere a questa domanda, prima rispondete a quest'altra: a cosa l'individuo, quando vota a un referendum (o ad una qualsiasi scadenza elettorale) partecipa? Secondo voi? Alla maggior gloria della Nazione? Al dibattito democratico? Al "bene comune"?  Tutti concetti tra l'altro incredibilmente astratti, soggettivi, manipolabili.
No care e cari! L'individuo che si reca alle urne partecipa ad un'unica banale e semplicissima cosa: al consolidamento del potere costituito. Ciò attraverso la legittimazione della struttura dell'organizzazione politica della società. Questa legalizzazione produce una stabilizzazione che si ricrea tutte le volte che, pensando di cambiare qualcosa, l'individuo ricorre agli strumenti forniti dallo Stato. Ricordate il vecchio adagio? Cambiare tutto per non cambiare niente! Già, proprio così! L'individuo non ha mai, realmente, la possibilità di intervento diretto nella cosa pubblica o, meglio, nelle cose che lo riguardano, quando ricorre ai mezzi suggeriti dallo Stato che, precisamente, sono fatte apposta per dargli solo l'apparenza dell'intervento, l'illusione della partecipazione. Semplicemente, se votare contasse davvero qualcosa, e spostasse davvero i rapporti di forza, sarebbe vietato per legge. É talmente scontato ciò, che basta ricordare che se esiste un Parlamento, un governo, un Consiglio dei Ministri, un Presidente della Repubblica, una Camera, un Senato (composto da chi, non fa molta differenza) allora, forse e diciamo forse sarcasticamente, vuol dire che non è l'individuo a prendere le decisioni che contano ma, appunto, questa serie di organi costruiti all'uopo. E poi ancora avanti con presidenti di Regione e di Provincia, consiglieri, sindaci, fino al più piccolo reggitore della più piccola circoscrizione di quartiere: tutte queste figure decidono su ogni più piccolo aspetto della quotidianità. É il gioco della rappresentanza. Un gioco in cui chi partecipa sa in anticipo di perdere sempre e comunque, perché tanto non fa differenza. Peggio del "gratta e vinci", insomma, dove almeno una possibilità di vincere dovrebbe essere garantita! Ecco perchè a questo gioco noi anarchici non vogliamo giocare e decidiamo, in coscienza, di non prendervi parte.
È sempre un parlamento ed il governo che decidono, quindi sempre e solo i politici, che anche nel caso dei referendum trasformano il voto popolare in voto parlamentare. Fatte le squadre, l'arbitro che decide l'andamento e le regole del gioco è sempre e solo lo Stato.

Problemi di quorum.
Detto che non riteniamo, nel modo più assoluto, il referendum uno strumento in grado di dare l'opportunità al singolo di incidere nei diversi problemi che lo riguardano da vicino e da lontano, perché inserito in quel grande inganno che è la democrazia rappresentativa, occorre spendere una parola in più su una determinata tipologia di referendum, quella che non prevede quorum, cioè soglie da raggiungere sotto le quali le votazioni sono dichiarate nulle. Appunto, quello del 4 dicembre è stato un referendum confermativo (cioè la legge era stata già scritta e votata da Camera e Senato e aspettava solo il via libera del Referendum) che non prevedeva quorum. Questo strumento, insomma, permette che anche una sola persona andata a votare - mettiamo per ipotesi e per assurdo - possa decidere da sola su aspetti determinanti per molte altre (in questo caso addirittura su aspetti riguardanti l'intoccabile Costituzione, l' "asse portante", dicono alcuni, dell'organizzazione sociale democratica). Questo sarebbe perfettamente legale.
Ecco, questa della mancanza del quorum è stata segnalata spesso come un punto per convincere le persone ad andare a votare, per gli aspetti che abbiamo detto. Ma invece, per chi scrive, è stato un motivo in più per non andare. Se non è possibile, per chi ama la libertà e la vera partecipazione orizzontale, accettare la regola che molte persone decidano anche per le restanti poche che non hanno dato il proprio consenso, ancora più intollerabile è che poche persone decidano per le tante altre. Se non vogliamo maggioranze che si impongono sulle minoranze, ancora più abberrante è l'esistenza di uno strumento che permette ad alcune minoranze (e potenzialmente anche ad una sola persona) di imporsi sulla maggioranza della società. Questo è plebiscitarismo, è fascismo e va detto nel modo più chiaro possibile!
Il referendum senza quorum andrebbe abolito subito, poiché questo strumento si avvicina in modo pericoloso agli strumenti ipotizzati da molti gruppi neofascisti per governare la società futura, dove l'organizzazione politica è priva di intermediari politici quali i partiti, certamente una cosa positiva, ma dove questi sono però soppiantati da un rapporto di tipo plebiscitario dell'indistinto corpo sociale con il potere, solitamente incarnato da un capo, da un leader maximo, da un decisore-esecutore o da un piccolo gruppo di decisori-esecutori. E questo plebiscito, ovviamente, dovrebbe passare proprio attraverso una specie di referendum senza quorum, dove i pochi entusiasti di un regime decidono per tutti. L'esempio fatto a proposito è sempre la Grecia antica, in cui una larvata forma di democrazia oligarchica permetteva ai pochi che potevano votare (escluse naturalmente le donne, gli schiavi e i poveri) di decidere l'andamento dell'amministrazione pubblica.
Ed infatti, sebbene l'ipocrisia e la retorica politica non lo permetta, sarebbe bene chiamare una buona volta questo sistema che ci governa col nome apposito: non democratico ma oligarchico! Sarà un caso ma fautori di un simile tranello referendario e plebiscitario sono oggi, assieme a molti gruppi neofascisti, i grillini del Movimento 5 Stelle, che lo vorrebbero estendere a tutte le tipologie di referendum, tendendo a presentare il modello senza quorum come esempio di "democrazia diretta". Ma cari i nostri grillini (si fa per dire) la democrazia diretta a cui fate riferimento e vi richiamate ad ogni piè sospinto è tutta un'altra cosa, ed è cioè un metodo che dovrebbe consentire a tutte e tutti, in modo individuale, di dire la propria ma anche naturalmente di sottrarsi, sempre individualmente, alle decisioni prese senza il proprio consenso. È un modo di organizzarsi dal basso, dunque. Mentre la vostra è solo un esempio velleitario di dittatura dall'alto mascherata neanche troppo bene, che non permette la reale partecipazione delle persone ma dà solo l'illusione di farlo – indotti in ciò dalle martellanti campagne propagandistiche  –  a beneficio, come sempre, di qualche assetto di potere (o di chi ambisce a conquistarlo)!
In un'epoca come quella odierna, dove sempre più persone si sentono insicure e vogliono vivere senza più preoccupazioni, in cui il grosso del corpo sociale non ha più nessuna aspettativa se non quella del salvatore che si faccia carico e risolva per loro ogni problema così da non dover pensare più a niente, bisogna stare attenti a fornire di mezzi come questi persone con una smodata bramosia di comandare.
Il potere, si sa, corrompe anche i più onesti, figuriamoci i più propensi al dominio.
Tra l'altro, va detto che lo schierarsi dei grillini per il NO nasconde anche una buona dose di ipocrisia e facciadaculaggine. La riforma costituzionale aborrita e combattuta dai grillini, difatti, oltre alle modifiche al Senato e altre quisquillie, prevedeva anche alcune modifiche allo strumento referendario di tipo abrogativo che, se passata, avrebbe permesso un abbassamento sostanziale del quorum necessario per renderlo valido rispetto a quanto avviene oggi: laddove adesso è indispensabile che si rechino alle urne almeno il 50%+1 degli aventi diritto al voto, la riforma prevedeva che si potesse arrivare al 50%+1 non degli aventi diritto ma solo del numero di partecipanti alle ultime elezioni politiche (un numero sempre in calo, come sappiamo).
Quindi proprio un punto che andava nella medesima direzione richiesta dal Movimento 5 Stelle, invece critico della riforma per opportunismo politico ed elettorale.
Da quanto detto ci sembra evidente che il vero pericolo per la libertà in questo paese non derivasse tanto dal ventilato "attacco alla Costituzione" (che tra l'altro non ha mai minimamente realizzato nessuna delle sue ispirazioni ideali ed ugualitarie...e lo sappiamo bene!) ma piuttosto, semmai, dal possibile estendersi dell'uso e dell'abuso del metodo referendario senza quorum o con quorum abbassato, che legittimerebbe leggi approvate e sottoscritte da una minoranza esigua di elettori, potenziale preambolo per una involuzione plebiscitaria del paese come chiedono da tempo tutti i fascisti. Eppure, stranamente, nessuno dei contendenti in campo lo ha messo o lo ha voluto mettere in evidenza.

L'atirenzismo: fallimento dell'opposizione sociale reale.
L'antirenzismo è stato il collante del fronte del NO che ha vinto con quasi 6 milioni di voti di scarto su quello del SI al referendum. L'unico collante: perché su tutto il resto le forze politiche, le associazioni, i movimenti, i gruppi di pressione che ne facevano parte la pensano in maniera completamente diversa o contraria.
Fascisti, leghisti, "sinistra" PD e sinistra extraparlamentare, grillini, costituzionalisti, ex partigiani, molti No-Tav, associazionismo, berlusconiani...dall'estrema sinistra all'estrema destra, passando per Berlusconi e quel che resta del suo partito che precedentemente aveva approvato la riforma in parlamento, tutti dalla stessa parte contro il premier Mattero Renzi, recente incarnazione del male!
Ora tutti questi attori cercano di accreditarsi come i veri vincitori, di guadagnare a sé la vittoria del NO alla riforma di Renzi e le sue dimissioni conseguenti alla disfatta del fronte del SI. In prima fila, era facile immaginarselo, troviamo i partiti più forti elettoralmente, come i 5 Stelle e la Lega Nord, che non proprio modestamente hanno subito parlato di una loro vittoria esclusiva ed ipotecato, attraverso essa, una loro vittoria alle prossime elezioni politiche che chiedono a gran voce.
È chiaro che l'antirenzismo avvantaggi quelle forze che di argomenti solidi da mettere sul banco altrimenti ne avrebbero pochi. Il populismo funziona molto bene solo quando ha un nemico stabile contro il quale scagliarsi. Fino a ieri era Renzi, dipinto come un burattino delle banche e dei poteri forti che governano l'Europa. Ora un nemico forte come Renzi non c'è più ed è facile immaginare, ad esempio, che i 5 Stelle dovranno ricorrere ai ripari inventandosene un altro – magari il successore di Renzi, dato che la maggioranza parlamentare rimane comunque inalterata a guida PD – o prendendo ciò che c'è di disponibile sul mercato dell'odio irrazionale: gli immigrati. É possibile, dunque, da qui in futuro, una caratterizzazione ancora più marcatamente destrorsa, euroscettica ed anti-immigrazione del M5S, per competere sullo stesso terreno securitario e xenofobo con Salvini e i suoi amici fascisti.
Guardando a sinistra invece, se la scelta del NO della "sinistra" interna al PD (dalemiani, bersaniani, ANPI) e di quella filo-parlamentare (Sel, Sinistra Italiana, Possibile) era scontata per far fuori Renzi e rispondeva a rapporti di forza tutti interni al PD e alla sinistra parlamentare stessa, ciò che invece francamente si fa fatica a comprendere è perchè una grossa parte dell'estrema sinistra extra-parlamentare abbia pensato bene di accodarsi a questa strategia, fallimentare da un punto di vista di costruzione di un'opposizione sociale che vuol essere reale e non immaginata. Eppure stiamo parlando anche di gruppi che sulla carta si dicono rivoluzionari.
A che pro fare dell'antirenzismo la propria politica attiva ed inseguire i partiti istituzionali sul loro terreno, quando si sapeva benissimo che di questa carta strategica avrebbero tratto maggior guadagno quelle forze populiste come Lega Nord e 5 Stelle che dell'antirenzismo hanno fatto un loro cavallo di battaglia da tempi non sospetti? Anche qui, la principale motivazione di questi gruppi della sinistra extraparlamentare sembra essere stata: anche noi contiamo, anche noi esistiamo! Ma manie di protagonismo a parte, a cosa è servito? Forse davvero queste forze hanno voluto salvaguardare lo Stato democratico dalla pretesa involuzione autoritaria che si sarebbe verificata se avesse vinto il SI alla riforma? Fosse vero, non si saprebbe se ridere o piangere. Rivoluzionari a parole che difendono il Senato della Repubblica: non si è mai sentito!
Eppure i giornali e i blog dei più vari gruppi "comunisti" hanno provato a convincere, nel loro piccolo, le persone ad andare a votare per il NO. A recarsi alle urne e consolidare così le istituzioni rappresentative che si vorrebbero combattere.
Ci domandiamo cosa sarebbe successo, invece, se tutte queste forze "rivoluzionarie" avessero optato con forza per l'astensione consapevole e avessero consigliato altrettanto alle persone, come atto di completa differenziazione dalla politica istituzionale. E non solo nel caso dell'ultimo referendum ma tutte le volte che si tratta di votare. Non sarebbe stato meglio se invece che spendere energie grandiose in campagne contro Renzi avessero deciso di costruire un'opposizione reale non a Renzi ma allo Stato borghese? Perchè le stesse cose che sono state addebitate a Matteo Renzi – e cioè l'essere a servizio della grande finanza, del capitalismo internazionale, delle banche – può essere sottoscritto anche riguardo lo Stato. Meglio: riguardo tutti gli stati. Perchè tutti gli stati, più o meno democratici che siano, difendono sempre gli interessi di una minoranza di privilegiati.
Ed allora chiudiamo con una domanda la cui risposta, per noi, è abbastanza chiara: non è incoerente proclamarsi rivoluzionari e partecipare alle elezioni e ai referendum, che in ultima analisi rispondono sempre a logiche istituzionali e servono a queste stesse istituzioni per continuare a legittimarsi?
Ha vinto il NO al referendum? Tra quelli che si disperano e quelli che brindano e fanno festa, sempre fuori dal coro vi diciamo: e chissenefrega!

Fuori dal coro! Fuori dalla melma politicante!

Diciamolo chiaramente. Agli anarchici – e quindi a chi scrive – tutte le ciance sulla “costituzione più bella del mondo” e via discorrendo non hanno mai minimamente interessato.
Sono solo sciocchezze e sciocchezze delle più grosse, dato l'incontrovertibile punto di partenza – se proprio vogliamo scendere a questo livello del discorso – che tutta quanta la retorica riguardante i famosi/fumosi “diritti” su cui sarebbe imperniata la Costituzione scritta nel 1948, è appunto rimasta quel che è sempre stata: retorica appunto! Idealizzata quanto si vuole, soprattutto dalla sinistra, ma tanto resta!
Non saranno né i buoni propositi, né il fatto di scomodare la sua supposta natura “antifascista” nata dalla Resistenza, che ci faranno dimenticare che le parti ideali sono sempre rimaste inapplicate, mentre al contrario quella che oggi viene difesa a spada tratta contro i tentativi di riforma di Renzi rimane la costituzione di uno Stato che, ancora oggi, ha in uso leggi, procedure di polizia e codici penali del passato regime fascista (e non ce ne sorprendiamo, del resto) senza contare il rinnovo del concordato con la Chiesa cattolica siglato anche dal comunista Togliatti. Uno Stato che già nel 1948 arrestava ed imprigionava i partigiani e rimetteva al proprio posto di comando prefetti, questori e uomini del passato regime mussoliniano. Del resto, è bene evidente la continuità dello Stato repubblicano col suo ingombrante predecessore.
La costituzione è stata solo un utile paravento dietro il quale lo Stato ha potuto continuare a mettere in atto le sue nefandezze contro i lavoratori e gli sfruttati, ma in modo che ogni critica ed opposizione sociale ai nuovi assetti di potere fossero bollate come antidemocratiche e proto-fasciste. Con questo si spiega anche il mancato sviluppo di una vera opposizione di classe da parte delle componenti della sinistra italiana, che su questo punto hanno sempre dimostrato una sudditanza quasi patologica verso l'intoccabilità delle istituzioni rappresentative, anche quando queste componenti amavano presentarsi come sedicenti rivoluzionarie.
Una sudditanza che appare incredibile. Come si può, infatti, concepire che la libertà – la libertà vera, quella integrale – possa in qualche modo essere riconosciuta e salvaguardata da un pezzo di carta, quale che sia, se persino lo Stato stesso, che ne dovrebbe essere l'interprete, è consapevole che quello che alcuni chiamano la “carta fondamentale” è invece carta straccia che si può modificare seguendo gli interessi del momento?
É fin troppo chiaro che la funzione della Costituzione è solo simbolica.
Sono i rapporti di forza in un dato momento che creano le premesse e le condizioni per la nascita e il consolidarsi dei cosiddetti “diritti” (a cui i libertari però preferiscono sempre il termine libertà, anche perché i due termini non sono sinonimi) e non le costituzioni, che semmai sono il tentativo pretestuoso di congelare questi rapporti, sempre mutevoli nel corso del tempo e mai dati una volta per sempre. Questi rapporti di forza si determinano solo in un modo: attraverso la guerra sociale di una parte contro l'altra. Guerra che vede fronteggiarsi da sempre due classi: la classe degli sfruttatori e la classe degli sfruttati.
Oggi, è evidente anche ad un cieco che i rapporti di forza appaiono completamente sbilanciati dalla parte degli sfruttatori. É chi detiene il potere – politico ed economico – che sta conducendo una spietata guerra di classe contro gli sfruttati e gli esclusi di questo mondo.
É quindi tanto più evidente che il tentativo di riformare la costituzione in qualche sua parte (e di modifiche dal 1948 ce ne sono già state tante) attraverso l'abolizione del Senato della Repubblica, che fa il paio con la paventata promulgazione della nuova legge elettorale che garantirà una maggioranza bulgara alla Camera per il partito che prenderà più voti alle elezioni (che ricorda la famosa legge Acerbo o “legge truffa” che consentì a Mussolini l'instaurazione della dittatura) partono appunto dalla stessa logica: sono esempi, tra gli altri, di quell'arrogante esibizione di forza da parte di uno Stato che, sentendosi sicuro di sé, cerca oggi di snellire le proprie appesantite burocrazie in direzione di un più efficace "decisionismo" politico e nel contempo estendere ed allargare la propria efficacia coercitiva nei confronti degli sfruttati. Il ché porterebbe ad un rafforzamento dell'esecutivo governativo, naturalmente a beneficio degli interessi privati a cui lo Stato fa capo. Rafforzamento che contraddice palesemente, tra l'altro, tutti i discorsi sulla presunta sovranità minacciata dello Stato, portati avanti sia dai "sovranisti" di destra (grillini, leghisti, neofascisti, nazionalisti...) sia da alcuni neomarxisti o postmarxisti che dir si voglia. Come se lo Stato fosse mai stato altro da quel cane da guardia del Capitalismo nazionale ed internazionale che è!
Bene, anzi, male! Di fronte a questo scenario, infatti, il piano dell'opposizione parlamentare – ma anche di una parte della sinistra extraparlamentare (extraparlamentare non per sua scelta, evidentemente) – allo schiavetto dei potentati capitalistici, cioè Matteo Renzi, si sono ridotte a due sole opzioni: la promulgazione di un referendum contro la riforma costituzionale e la speranza riposta nell'intervento della Corte Costituzionale affinché essa invalidi il testo della legge elettorale (L'Italicum). Un po' poco, a parere di chi scrive, per tentare di spostare davvero i rapporti di forza di cui parlavamo poc'anzi.
Ma, alla fine dei conti, vi è davvero in questa composita opposizione a Renzi la volontà di spostare questi benedetti rapporti di forza? O è invece, come è ovvio, solo un tentativo per farlo cadere? E con quale prospettiva di breve e lunga durata? La semplice volontà di far cadere Renzi non può avere, come è scontato, nessuna progettualità da portare nel quotidiano, sul lato pratico, negli aspetti che riguardano la vita delle persone. I comitati referendari per il NO, in cui è confluito come una melma un po' di tutto, ci hanno detto di difendere nientemeno che la “Democrazia” con la D maiuscola, quando in realtà si sta parlando della pura conservazione del Senato della Repubblica così com'è (con la riforma esso diventerebbe un mero organo consultivo composto da Sindaci e Consiglieri di Regione). Un pretesto tra i tanti. Questa grande prova di efficienza organizzativa ed operativa è stata uno spreco e un dispendio enorme di energie, nonché un'enorme presa per i fondelli.
Melma politicante che invece che soffermarsi sui problemi reali delle persone e cercare di combatterli sul terreno del conflitto sociale, preferisce ancora una volta concentrari sulle urne, nel desolante vuoto delle piazze.
Mentre l'opposizione sociale langue, mentre la società scivola sempre più a destra, mentre i cosiddetti diritti sanciti dalla Costituzione di cui ci si fa paladini vengono calpestati e non certo da oggi ("Diritto al lavoro"? Che ne penserebbe il lavoratore GLS schiacciato sotto il camion aziendale mesi fa perchè stava scioperando?) facciamoci una semplice domanda: dove sono oggi questi politicanti cialtroni mentre tutto ciò accade?
Da un'altra parte, naturalmente: a difendere la "Costituzione più bella del mondo".


ALCUNE ANARCHICHE E ALCUNI ANARCHICI DELLA ROMAGNA

Contro tutte le frontiere!

Libertà per i compas rinchiusi nel Centro di Detenzione Amministativa di Nizza! Liber* tutt*!

 

Ieri mattina la polizia francese ha sgomberato la vecchia dogana del valico di Fanghetto (Alpi marittime, confine italo-francese sulla statale Cuneo-Col di Tenda-Ventimiglia).L'edificio era stato occupato sabato scorso durante una giornata di mobilitazione contro le frontiere, in solidarietà ai migranti e contro le infrastrutture nocive che aggrediscono la Valle Roja (in primis il raddoppio del tunnel di Tenda), dove appunto è situata la linea di confine internazionale. Da sabato scorso, dove un tempo le divise controllavano il passaggio di una delle tante frontiere imposte per dividere le popolazioni ed ostacolarne gli spostamenti, l'edificio occupato garantiva accoglienza, libera circolazione e mobilitazione costante contro la frontiera e contro i progetti che vogliono stravolgere in maniera irrimediabile il territorio e la vita della valle.

Durante lo sgombero le divise hanno sequestrato nei container adibiti a ufficio d'identificazione gli attivisti che si trovavano sul posto: quelli con carta d'identità francese sono stati rilasciati ieri in mattinata, e dei cinque compas con carta d'identità italiana, quattro sono stati trasferiti al Centro di Detenzione Amministrativa (l'equivalente francese del Cie) di Nizza, mentre una compagna è stata immediatamente espulsa.

Una dimostrazione inedita quanto inconfutabile dell'evidenza che la criminalizzazione dei migranti e i campi di concentramento delle democrazie occidentali non possono riguardare solo chi sfugge dalle miserie degli altri continenti, ma sono uno strumento del Potere da contrastare e combattere con ogni mezzo.

Siamo sicuri che i compas "indigeni" ora nel Cie francese sapranno dimostrare bene alle autorità che li tengono reclusi quanto può essere forte e determinata la solidarietà tra sfruttati e ribelli, da qualunque parte del mondo provengano, in qualunque territorio si vengano ad incontrare.

Tra i compas ora reclusi a Nizza ci sono anche Andre e Arturo, compagni nostri di vita, strada e lotte a cui va l'abbraccio di quelle montagne ribelli in cui vivono ed agiscono, ed in cui solo divise e sfruttamento devono sentirsi stranieri.

Rilanciamo l'impegno ad opporsi al disastro sociale e ambientale che lo Stato e il Capitale ci vogliono imporre, diffondiamo iniziative sul territorio perché quest'ennesima trovata della repressione si infranga contro un muro di solidarietà!

 

Le uniche catene che amiamo sono quelle montuose!

Contro ogni forma di repressione, solidarietà internazionale!

Rafael, Vincenzo, Andre, Arturo liberi subito! Tutt* Liber*!

 

Alpi Libere

Cassa AntiRepressione delle Alpi occidentali

CON OGNI MEZZO NECESSARIO?

Voglio spendere qualche parola a proposito della proposta dell'ANPI di San lazzaro di Savena (Bologna), poi raccolta da una consigliera comunale, di vietare la concessione di spazi pubblici a chi non rinnega il fascismo, per impedire che realtà come Forza Nuova, Casapound e simili possano svolgere le loro iniziative in piazza.

L'ANPI, in breve, ha chiesto di rivedere il regolamento comunale della cittadina bolognese per la concessione del suolo pubblico, affinché le richieste di occupazione temporanea da parte di partiti politici, onlus e associazioni siano concesse "solo dopo previa sottoscrizione di una dichiarazione di adesione ai principi della Costituzione con particolare riferimento alla XII disposizione transitoria e finale", ovvero quella che afferma che “è vietata la riorganizzazione, sotto qualsiasi forma, del disciolto partito fascista”.

Ora, il consiglio comunale di San Lazzaro ha fatto sua la proposta dell'ANPI (tra l'altro annacquandola) approvando a maggio un ordine del giorno di modifica del regolamento di concessione di suolo e spazi pubblici, inserendo una semplice postilla in cui si dichiara che i partiti, le associazione e i gruppi devono firmare, da ora in avanti, un documento in cui dichiarano "di aver preso visione e comprensione" della famosa e fumosa XII disposizione finale della Costituzione (non più ADESIONE ai valori costituzionali, dunque, come chiedeva l'ANPI).

Questa scelta puramente demagogica fatta dai membri del consiglio comunale di San Lazzaro, che di per sè è totalmente inutile e non vincola proprio nessuno (come invece vogliono farci credere) è stata salutata con entusiasmo non solo dall'Associazione Nazionale Partigiani ma anche da aree del cosiddetto antifascismo militante. La cosa risulta invero imbarazzante ed è anche la ragione principale di questo scritto.

É stato detto, a riguardo, che quando c'è la volontà politica (sottinteso: dei partiti istituzionali) è possibile negare spazi ai movimenti neofascisti e così, attaccandosi a questo falso mito più volte dimostratosi errato, si finisce con l'appellarsi ai partiti e alle istituzioni comunali affinché affrontino il problema al posto nostro.
È buffo che non ci si accorga che queste sono parte dello stesso problema, quando legittimano i gruppi neofascisti e neorazzisti ma anche quando semplicemente fanno funzionare i propri strumenti legislativi, come in questo caso, apparentemente con una finalità antifascista. O dovremmo concludere che sono cattive solo quando autorizzano le manifestazioni dei fascisti e sono invece buone e giuste quando esibiscono un antifascismo di comodo (e pertanto ci fanno comodo)?

Già conosco in anticipo le giustificazioni. É giusto fare pressione politica verso i Comuni perchè adottino le giuste risoluzioni. Solo che si dimentica sempre che sono i mezzi con cui fare pressione ad essere basilari. Cambia se la pressione è stata attuata accodandosi alle richieste legalitarie dell'ANPI (e cioè, per meglio dire, del PD) oppure si è strappata qualche libertà attraverso contenuti e pratiche diffuse.

Il punto è che già mi sembra illogico che la libertà di manifestare debba essere chiesta a qualcheduno e che debba esistere addirittura un regolamento per esprimere questa libertà che, appare ovvio, se è concessa e regolata non è vera libertà (perchè, appunto, come è concessa può sempre venire tolta, vietata, che si viva in un regime fascista cosiccome in un regime sedicente democratico). Detto questo, ma chi glielo dice agli anarchici (che pure hanno pagato la loro lotta antifascista con repressione e lutti ed ancora la pagano) che per manifestare in piazza, o per richiedere un'occupazione di suolo pubblico, devono prima sottoscrivere una dichiarazione di adesione ai principi della Costituzione Repubblicana. Ovviamente suonerebbe alquanto strano. Sarebbe come se un repubblicano giurasse sulla monarchia (e tra l'altro ci fu chi lo fece, non tutti hanno la stessa idea di coerenza).

Certo, i fascisti mi fanno schifo! Certo, non voglio che abbiano spazi e legittimità, ma sono anche consapevole che i modi con cui sottrargli questi spazi e questa legittimità sono importanti. I mezzi che mi dò sono sempre rapportati al fine che voglio raggiungere. Per cui c'è una enorme differenza se gli spazi sotratti ai movimenti fascisti lo sono con mezzi libertari (che non vuol dire lasciar fare i fascisti ma, al contrario, agire in prima persona, in modo autorganizzato e non gerarchico, senza mediazione delle sovrastrutture istituzionali) o con mezzi autoritari come un regolamento comunale piovuto dall'alto.
A volte ci sono limiti autoimposti che non vogliamo superare, a volte questi limiti si possono pure transigere per delle emergenze o delle situazioni particolari, certo. Ma la questione è che mentre c'è chi si limita solo all'antifascismo, per qualcuno l'antifascismo è solo una delle tante declinazioni del più generale e comprensivo antiautoritarismo. Perchè, non va dimenticato, è nell'autoritarismo (il potere dell'autorità sugli altri) la fonte di ogni fascismo in potenza.

Siamo onesti, suvvia! Senza ribadire il fatto che il testo base per la polizia è ancora il TULPS del 1931 e il codice Rocco fascista è ancora la base dell'odierno codice penale italiano (e vorrà ben dire qualcosa se un sistema che si dice democratico usa gli stessi mezzi che furono del regime fascista...dovremmo ben trarne delle riflessioni, o no?), appare evidente che se le realtà neofasciste di oggi non sono mai state sciolte, continuano a partecipare alle elezioni e le loro manifestazioni vengono autorizzate, potendo esprimere tranquillamente e alla luce del sole i loro deliri razzisti verso chi non è italiano, e sono pure protette dagli organi di sicurezza e dalla magistratura, è perchè il sistema della democrazia rappresentativa, anche se lo volesse (e non lo vuole) non ha gli anticorpi adatti per evitare che ciò avvenga. Ne abbiamo ben visti di esempi nella storia: Hitler stesso andò al potere con sistemi e mezzi democratici e solo quando fu cancelliere si fece le leggi che voleva. Ma al potere ci andò con le leggi democratiche della Repubblica di Weimar.
Anche allora, sia in Germania che in Italia, c'era chi diceva: "calma, ci sono le leggi, ci sono le istituzioni democratiche che non permetteranno mai al nazismo e al fascismo di affermarsi. Non preoccupatevi, lasciate fare alle istituzioni democratiche, affidatevi a loro". Infatti abbiamo visto come è finita!

Molti si chiedono, giustamente, che cosa ne sarà di soluzioni di ripiego come quella del Comune di San Lazzaro, nel momento in cui questi partiti neofascisti firmeranno la famosa clausula e cioè di aver preso visione della postilla che richiama alla XII disposizione della Costituzione. Che cosa cambierà, di fatto? Giusto essere onesti: non cambierà niente!
Occorre aggiornare il nostro vocabolario. Fascista non è solo quel gruppo che vuole restaurare il vecchio partito fascista mussoliniano, nelle misure e nei modi previsti dalla legge e dalla Costituzione. Nel tempo gruppi neofascisti dei più disparati hanno effettuato - nonostante si richiamino ai contenuti del fascismo, all'Italia mussoliniana, ai simboli del ventennio e della RSI -  un costante aggiornamento (ideologico e nel modo di presentarsi) che ha coinciso con una vera e propria rinascita, pur in forma diversa, del fascismo. Addirittura, oggi, gruppi neofascisti si impadroniscono di simboli, fraseologia, estetica, miti e concetti anche del campo avverso (sinistra antagonista o libertaria). Per dire, qualche anno fa il movimento dei "forconi", all'interno del quale trovarono posto svariati fascisti, si presentò pubblicamente con volantini e manifesti recanti una massima dell'ex presidente della Repubblica Pertini, che fu socialista e antifascista.
Si delinea, quindi, in certi casi, una sorta di "mimesis" ovvero di mimetismo strategico dei gruppi neofascisti che inficia tutti i risibili tentativi della repressione legale e costituzionale dell'antifascismo istituzionale.
Non solo; sembra ormai svanita ogni differenza tra gruppi neofascisti classici e partiti come ad esempio la Lega Nord che, oltre a fare comunella coi camerati di Casapound e Lealtà Azione, e a sdoganarli di fatto nelle istituzioni all'interno delle proprie liste, non ha proprio nulla da invidiare in quanto a lessico e proposte razziste ai partiti di ispirazione fascista più beceri.
Se non si capisce come è mutato il fascismo di oggi, non si capirà nemmeno con quali mezzi combatterlo. E oltre ai mezzi, non si capirà nemmeno con quale fine.

L'ordine del giorno del consiglio comunale di San Lazzaro – mi dispiace per gli entusiasti – è stato dunque un atto meramente simbolico che non cambierà proprio nulla. Anzi, se proprio la vogliamo dire tutta, esso rappresenta semmai un ulteriore freno all'azione diretta propositiva dei singoli e alla capacità di fare rete, di intrecciare percorsi e relazioni dal basso, di creare controcultura, che è poi quello che davvero sembra mancare oggi.
Un antiautoritario che riflette