Contenuto principale

-CLERICANCRO-

(Presentazione della mostra "CleriCancro" esposta nel mese di dicembre presso lo

Spazio "Sole e Baleno" di Cesena).


  La religiosità è qualcosa di personale. Quando diventa religione si fa chiesa e muta di forma: diviene istituzione.
Le chiese, tutte le chiese, sono nemiche dell'individualità umana. Dove vi è chiesa vi è costrizione, dominio, abuso. Ogni chiesa, a suo modo, pretende di giudicare i pensieri, di censurare le idee, di condannare i comportamenti, di indicare la via giusta per guadagnare un qualche falso paradiso. Laddove non obbligano, laddove non opprimono moralmente e fisicamente le persone, le chiese sono scuole di affabulazione, di sottomissione, di falso pietismo.

 Le gerarchie ecclesiali hanno da sempre benedetto i potenti, alleandosi al potere secolare degli Stati, con cui hanno con-diviso l'autorità: agli Stati la legge terrena, alle chiese quella divina. Ai primi l'ubbidienza della carne, alle seconde il conformismo della morale. Terrore di Stato e timor di Dio. Crimine e peccato. Due facce della stessa medaglia. Plasmare bravi cittadini e buoni fedeli: docili, remissivi e ubbidienti.

 Le chiese predicano la povertà e la miseria mentre le loro banche si arricchiscono e i loro prelati vestono di seta e oro. Concordati, oboli, offerte dei fedeli, lasciti in eredità, 8x1000, ruberie, finanziamenti statali, agevolazioni fiscali, imprese private, operazioni finanziarie disinibite: le chiese sono tenute in vita da un fiume di denaro legale e illegale. L'apparenza modesta e disadorna del nuovo “santo padre” Bergoglio – il Papa Francesco che piace anche ai “comunisti” – è soltanto menzogna, ipocrisia, meschino proselitismo per i più cretini.

 I crimini delle religioni sono abominii contro l'umanità. Nel remoto e recente passato in nome di un Dio o degli Dei si è inquisito, censurato, torturato, abusato, seviziato, imprigionato, ucciso, smembrato, arso, annegato, impiccato, evirato, castrato, impalato. Si sono benedette e incoraggiate le crociate, le guerre sante, le guerre tra nazioni, il colonialismo, le missioni, i regimi sanguinari, i fascismi e il nazismo, la segregazione e le persecuzioni razziali. Oggi la progenie di coloro che hanno approvato, gestito e prodotto questi orrori, cerca ancora di imporre un giusto modo di fare l'amore, prescrivendo con chi e quando farlo, annunciando la dannazione eterna per chi non si conforma al suo pensiero. Questo mentre abusano i fanciulli.

 Le chiese e coloro che si fanno loro paladini – sentinelle in piedi, gruppi fascisti, reazionari e tradizionalisti, fanatici di ogni religione – sono un cancro. Una metastasi nel corpo sociale. Non abbatteremo mai il dominio, giungendo alla libertà per tutte e tutti, se assieme a tutti gli Stati non abbatteremo anche tutte le chiese.